E A TE CHI CI PENSA?

Chi pensa a te? Chi si prende cura di te?

Proprio l’altro giorno, parlando con una cliente, ho capito quanto le persone abbiano bisogno di ritagliarsi del tempo per loro stesse. . .

. . . di spegnere il cellulare e lasciare da parte ansie e preoccupazioni . . .

Oggi voglio raccontarti la storia di Claudia, una mia cliente ormai da qualche anno.

E’ una donna molto impegnata: tra il lavoro e la famiglia è sempre di corsa e non riesce mai a dedicare qualche minuto a sé stessa.

Ma qualche giorno fa ha detto BASTA!

Si. . .
HA PRESO UNA DECISIONE RADICALE!

Lasciami dire da dove è partito tutto!

Era un po’ di tempo che Claudia non veniva in Istituto.

Aveva dato precedenza ai suoi mille impegni.

Qualche giorno fa, ha fissato un appuntamento e quando è arrivata ho notato subito che aveva un’aria veramente stanca. Le sue occhiaie erano enormi e purtroppo, era anche aumentata di peso.

Non stava passando per niente un bel periodo . . .
Ma chi non ne passa nella propria vita . . .
Era veramente stremata.
L’ho fatta accomodare in cabina e si è praticamente catapultata sul lettino.

Così, ho iniziato il trattamento e dopo pochi minuti è sprofondata in un sonno pesante come un macigno.

Non ero nemmeno riuscita a capire cos’era successo; si è addormentata quasi subito.

Ma . . .finito il trattamento non potevo rimanere col dubbio, dovevo sapere perché era così stanca . . .

Volevo aiutarla!

Come immaginavo, si era fatta travolgere da tutte le responsabilità lavorative e famigliari che purtroppo,
stavano avendo la meglio su di lei.

Genitori, figli, nipoti, colleghi . . .

Aveva messo tutti al primo posto.

E lei?
Lei sempre per ultima.

Quello che non sapeva Claudia, è che non può pretendere di aiutare gli altri se lei è la prima ad essere stanca e senza energie.

Il suo corpo glielo stava dicendo, ma lei non lo stava ascoltando.

Nell’ultimo periodo, si sentiva gonfia come un pallone: la ritenzione la stava appesantendo
come mai prima di quel momento.

Iniziava a sentire i primi dolorini nel corpo, lo stress la stava distruggendo.
Le sue gambe sembravano tronchi duri e dolenti e questa pesantezza non la faceva più sentire bella e desiderata.

Stava perdendo piano piano le sue certezze.

Ma lei continuava, senza fermarsi mai.

Mi ha persino raccontato che un giorno, durante un appuntamento con uno dei suoi migliori clienti, ha avuto un improvviso calo di zuccheri ed è svenuta.

Non ha fatto solo una figuraccia col cliente, ma è stata costretta a fissare un altro appuntamento, rinunciando così all’incasso che aveva previsto quel giorno.
La cifra, ve lo assicuro, era davvero alta!

Perché è stata male?

Semplice, non aveva ascoltato il suo corpo che le stava dando l’allarme.

Per fortuna, dopo qualche giorno, ha deciso di chiamarmi!
Si sentiva le gambe esplodere!

Subito dopo il trattamento, le è sembrato di rinascere, ha trovato di nuovo le forze e quella sensazione di pesantezza se ne stava andando.

Eh si, ha notato la differenza fin da subito!

Claudia ha ripreso a fare trattamenti e devo dire che la trovo molto più in forma!

Anche lei si sente finalmente bene!

L’ultima volta che è venuta, mi ha confessato che ora non riesce più a rinunciare a ritagliarsi del tempo per sè stessa!

Lo stress l’aveva gonfiata come un pallone peggiorando ancora di più la sua situazione.

Per fortuna, lei è intervenuta in tempo e ha capito quanto sia importante farsi trattare!

E tu?
Ti senti le gambe gonfie e dolenti?

Non aspettare altro tempo! Intervieni ora!

A presto!
Sentiti leggera come una piuma
La tua consulente, Jenny Corelli

P.S.
Ho un regalo per te!
Clicca qui e scarica il Report Gratuito!

Scrivi una risposta

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

5 × 3 =